Tu sei qui: Portale 26 novembre - "Città dei capi. Open leadership. Dal capitale umano al capitale sociale” l'autore Paolo Bruttini colloquia con Fabio Bernardi

26 novembre - "Città dei capi. Open leadership. Dal capitale umano al capitale sociale” l'autore Paolo Bruttini colloquia con Fabio Bernardi

    città dei capi bruttini.jpg

 

Mercoledì 26 novembre 2014 ore 18.00

Ariele, Via Montepulciano n. 11 - Milano


Città dei capi. Open leadership: dal capitale umano al capitale sociale

 

 

A cura di Paolo Bruttini

 

                                                                                  

 

Presenterà il suo lavoro colloquiando con:
 
Fabio Bernardi (HR della catena di ottica AVANZI)
 


Al capo non viene più solo richiesto di comandare e controllare, ma di mettere in discussione la propria idea verticale di potere a favore di una tipologia di Leadership più orizzontale, adottando una visione che contempli il senso di comunità e fraternità. La nuova Leadership si fonda sulla cultura dei pari. Più ancora, il suo elemento costitutivo è il codice dei fratelli: il supporto reciproco, la creatività, la sfida, ma anche l’invidia, il conflitto e la competizione.
In questo volume si approfondisce il passaggio dal capitale umano al capitale sociale, delineando modelli di Leadership centrati sulla cultura della rete, dell’integrazione e dell’accettazione dell’errore come elementi di crescita ed innovazione. La prospettiva della rete troverà evidenza attraverso lo studio degli strumenti che consentono di mappare le relazioni nelle aziende e mediante l’analisi di come i legami relazionali costituiscano la base per la creazione del benessere organizzativo. Verrà esplorato il codice affettivo della fraternità come fondamento di nuove culture basate sulle relazioni tra pari, andando al di là delle ben più note culture verticali in cui i capi sono padri o madri. Tali riflessioni consentiranno di delineare il nuovo tipo di Leadership, le cui caratteristiche saranno illustrate, infine, in un Open Leadership Manifesto.
Perché Il nuovo Leader non é più Primo fra tutti, ma Uno fra tanti, al fianco di tutti quelli che possono e vogliono primeggiare.

 
Per maggiori informazioni: